lunedì 26 novembre 2012

Risultati primarie e previsione ballottaggio

Seconda parte del week end passata a catalogare una volta per tutte la mia obsoleta biblioteca cartacea sul mio nuovo profilo aNobii. (Mi pareva ormai di essere rimasto l'ultimo italiano a non avere tutto archiviato lì.)
Risultati: nel corso della mia ventiduennale vita da adulto (periodo che parte da quando non vivo più con i miei. I libri della vita precedente li hanno in pratica tutti loro e non li considero aNobiizzabili) ho finito 334 libri e ne ho iniziato e poi interrotto per varie cause altri 78 (senza contare gli 80 libri da consultazione). Una media di 1,3 libri finiti al mese, più altri 0,3 iniziati e non finiti, indipendentemente dalla lunghezza del testo o dalle altre attività più o meno interessanti avrei potuto fare in quel periodo della mia vita. Pensavo peggio.
Inoltre a chi dice che non leggo narrativa sbatto in faccia che quanto sopra è costituito per oltre l'80% di romanzi, racconti et similia.
Questo è quanto. Il titolo serve solo ad attirare visite su un post inutile in questa giornata per altri versi campale.

12 commenti:

  1. Ma davvero tutti sono su Anobii? Non lo sapevo; e non sapevo neanche che lei leggesse così tante poesie. La cosa mi stupisce non poco, ma ancor più mi stupisce, o quantomeno non capisco cos'è questa roba di far vedere agli altri cosa leggiamo, o cosa abbiamo in libreria. A che serve? È bisogno di condivisione, serve per trovare anime affini? O è solo il prezzo "social" che si paga per poter usare un software database per i libri? Mi illumini la prego, non sono ironico. Davvero non capisco.

    RispondiElimina
  2. non lo so, credo che sia il prezzo per utilizzare il loro sistema di archiviazione, almeno io l'ho preso per quello. anche se mi pare si possano rendere non visibili i propri libri a terzi. ma poi ho pensato: ho un blog, racconto i fatti miei a tutti, visto che siamo in ballo...

    RispondiElimina
  3. Capisco le perplessità di Pdb. Non ho un profilo aNobii, ma ne ho uno zazie. Ieri sera, mentre stavo terminando un gradevolissimo (e profumatissimo) Urania del '63, pensavo di inserirlo sul mio profilo, quando mi sono chiesto: "Ma a chi diamine credi che ciò possa interessare?" (proprio così, con "diamine"). Devo dire che mi sono iscritto a zazie per inserire i libri appena letti, e non quelli posseduti, con il palese intento di trovare "anime affini" (ho iniziato a seguire il Sig. Tacchino per merito di Perec!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma io non sono su zazie, e che diamine!

      Elimina
    2. a proposito, visto che ama Perec e l'Oulipo, le consiglio l'ultimo post di Popinga, linkato qui a fianco.

      Elimina
    3. Questo passaggio al lei mi inquieta. La boule de neige me la gioco domani al lavoro.

      Elimina
    4. Scusa. E' che con pdb cerchiamo di rimanere piuttosto distaccati (in maniera ironica), e a volte mi faccio prendere la mano.
      Se ti interessa c'è anche un mio vecchio tentativo di palla di neve.
      http://taccuino22.blogspot.it/2012/03/palla-di-neve.html
      ciao

      Elimina
  4. Ho iniziato ad anobizzarmi da un po', ma non ce la faccio a inserire il pregresso. La mia pigrizzia a sera raggiunge livelli letargici... Ma la curiositá ha grande potere e credo mi accingeró a cercarti, se sei Tacchino pure lí...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, semplicemente nome e cognome. Comunque trovi il link nel post qui sopra, nascosto sotto la parola "profilo" :-)

      Elimina
    2. Dietro la parola "letargo" trovi invece il mio rincoglionimento... Ops, scusa, volevo dire sbadataggine

      Elimina
  5. Con ritardo giustificabile dalla sbadataggine che mi accomuna a Pendolante, volevo chiarire che, evidentemente, non ti ho scovato su zazie (se non altro perché lì non ci sei). Tutta colpa dell'uso troppo disinvolto delle parentesi.

    RispondiElimina